Page 14 - Demo
P. 14
Via P
ulcnto
ianVia Sauole
a Tre
o Gnico
 PiazzVi
ainoo
Via

ne
gio
rgolbroldi
Itinerario 1
ea ViAmo
o Viva
dVint alagtoni
a Sa Miria AnL’antico borgo di Maderno
MVia L
Viaa Oriolo
co
ViaV
ViSaniVia 
Via Violino
no
Paga
a Gaia Salago
emadernini
l
Va MirVia Mont
Via ViPercorso
Galre
e
vanvedeVia VigolVia 
i
e
a Bel VincViaCarlo Setti
eri
iolo
Inizio percorso: 1parcheggio
FontanVienzo Spo
ia Or
Via o Beavour
Titmadernetti
VPiazzale Roma.
llinVia CVia a MontenizzVia Roma, antico lavatoio,
i
ViDo2
Via Fontane
ano rdi
3Villa Bianchi, 4monumento
15
aetne
ti
o
 Ve
a Ggionamaetrppe13
“Bella Italia“, ex-municipio,
ViReliia Ben Piuseo
Via ViaViVia Va Saa Gidern14
colonna di San Marco,
5
Vital Groa ViViViVemaerno
12
i
ttencea
ia SanMontMad6Sant’Andrea, 7torre
n Snzontan BarViaVia tale campanaria, casa natale
tina Bea Motolom ProVia Sta8

lliniVieo
moa PanViVia Reti
Via Mdi Giuseppina Cobelli,

ntororamligione
namaore16
io
icaVialVia Betto
11
9Parrocchiale, 10statua di

e Ug3 
o FosViaVani
6 11
45
Sant’Ercolano, Palazzo
colo Antoia Ga Aquil2

nio RbrielViaerno
12 Gonzaga, Palazzo
osme D’Aemad10
ini
nnunontV9
Bulgheroni, 13Palazzo
zio
ia Sma
7 San Bartolomeo,
Benamati,
ettemViia Ro1
14
brina GioVV8
15casa alla Quadrellata, 
i
vanniale 
Viai PasUgo borgo antico, 16Serraglio 
 Seracoli
Fosc
ino olo
Gonzaga, via Aquilani.
Gnuterti
Via 
ti
GiobGiacLungo
enzo omolago Giu
Vinc Leoseppe ZaL’ingresso al paese
trepassata la porta fortiicata, si saliva 
Via pardnardelli
O
ere no
i

al paese passando per l’unica via allora Chi giungeva a Maderno da Gardone Ri- Via
SErtidervia Aquilani  Dante Ali
UCaMaesistente, l’attuale (via Re- viera prima del 1899, anno di costruzio- ghieri
Mle o gia, del Portone o dell’Arco), sulla quale ne della strada Provinciale (già Strada 
Odelan
Cle colsi afacciavano le case e i giardini delle Regia) percorreva una stretta mulattie- olago Giuseppe Zanardelli
EValTosLung
famiglie più in vista di Maderno, tanto ra che costeggiava le spiagge e il lago, 

che ancora oggi la strada viene detta sbarrata in dal Medioevo, nel tratto 

“via dei siòr” (1). Il nostro itinerario tutta-
collinare che da Bornico sale a Maria- 

ne di Montemaderno, dal “Brognolo”, 
un complesso sistema difensivo dotato 

di ponte levatoio e citato nei documen- 

ti medievali, di cui non resta più alcuna 

EO
tiere erno
traccia. Era questo il luogo riservato alle 
MUSe Caro Mad
COlle dellcolanesecuzioni capitali; la presenza di una 
EVaTos
forca è documentata nel 1505. Nel Set- 
tecento il Brognolo, ormai abbandona- 
o
re no
to, era spesso ricovero di vagabondi e 
tieere
araddi briganti. Il nome Brognolo (Brognöl) s
CMu
e o deriva da pruniolo, un arbusto selvatico M
e o
ellne
o
o o
rtierderndlaierernspinoso che produce bacche commesti- seoe
 CaMae coCartaducus
delleano ere
rno
allose  Mbili, evidentemente difuso nei dintorni. oMeo
M
alle scole Carti MadeVTellanoL’itinerario ha inizio nel luogo in cui, ol-
1
cEus
VToe dellolanoe dolEoMo
VallToscalloscEcc
VTE


14

O
e o
Etierdern
USCarMa
   12   13   14   15   16