Stampa la cartografia e la relazione itinerario:
itinerariN.pdf


Scaricate il file di interscambio:
track_N.gpx


Scaricate il file gps per google earth:
track_N.kml


Scaricate la traccia per oziexplorer:
track_N.plt


Scaricate i waypoints per oziexplorer:
N.wpt


<< Torna all'elenco dei sentieri.

BOMBAI VIGOLE SANICO

Dalla piazza del Ponte di Toscolano si prende la strada per Maclino. Dopo 200 m si tiene la destra per la ripida stradina asfaltata. Giunti ad un incrocio si continua a salire e poco oltre la costruzione dell’acquedotto Comunale si gira a sinistra per una stradina sterrata. Percorse alcune centinaia di metri ci troviamo di fronte ad un cancello alla cui sinistra si intravede la traccia del sentiero.
Lo percorriamo ed entriamo nella valletta di Bombai. Attraversiamo con un ponticello il piccolo torrente e ci portiamo sul lato destro della valletta. Continuiamo in salita e ad un bivio deviamo momentaneamente a sinistra per un bel punto panoramico. Ritorniamo sui nostri passi e proseguiamo per il sentiero che ci porta nell’abitato di Vigole. Nella piccola piazza troviamo una fontana, la oltrepassiamo e ci troviamo di fronte alla chiesetta di Vigole. Saliamo ancora per la stradina acciottolata fino alla località Rosei e tenendo sempre la destra ci troveremo ad una santella
nei pressi del paesino di Sanico. Alla destra della santella imbocchiamo la stradina cementata in discesa e senza mai abbandonarla ci ritroveremo alla partenza del nostro itinerario.
Durante la discesa incontreremo la chiesetta di San Martino1 che merita una visita.

1Poco sotto la frazione di Sanico, nei  pressi  dei  prati  di  S.Martino,  vi  è  un  piccolo  colle  al  centro  del  quale  vi  è  un cimitero  dove,  fino  verso  la  fine  dell’800 trovavano sepoltura  i defunti di Maderno e delle  sue  frazioni.  Al  centro  sorge  una  piccola  chiesetta  dedicata  a  S.Martino  di Tours  con  annesso  un  piccolo  vano.  E’ sorta  in  un  antico  romitorio  e  fu  adattata all’interno  di  una  torre  circolare, probabilmente  di  origine  romana,  che  era posta  a  protezione  del  paese,  dalle incursioni delle popolazioni montanare che mal si adattavano a convivere con  la gente latina.  Per  la  sua  posizione  isolata  e  lontana  dagli  abitati,  funzionò  come  lazzaretto  in  caso  di epidemia  fino  all’inizio del 1600. Dal 1617  al 1748 ospitò diversi  eremiti  ai quali , dal 1751,  fu  proibito ogni accesso.



Piedi e Mountain bikeFacile1.30 ore4.8 km320 m
© 2005 Comune di Toscolano Maderno - V. Trento, 5 25088 Toscolano Maderno (BS) - P.IVA. 00581090982 | Webdesign Horizon
Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.